Protocollo Sicurezza anti Covid-19 per il settore Cineaudiovisivo

 


Firmato il 27/5/2020, tra ANICA, APA, APE, CNA CINEMA E AUDIOVISIVO, CONFARTIGIANATO CINEAUDIOVISIVO e SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, il Protocollo per la tutela dei lavoratori del settore cine-audiovisivo

Le parti sono addivenute alla formulazione del presente protocollo, da sottoporre all’esame e alla verifica di congruità rispetto alle norme emergenziali attualmente in atto, al fine di convenire le modalità di funzionamento delle aziende del settore Cineaudiovisivo.
Tale protocollo è stato redatto tenendo presente le condizioni generali di funzionamento ragionevolmente riscontrabili in tutti gli ambienti di lavoro.
Sulla base della effettiva condizione di ciascuna delle attività sotto dettagliate, così come in ipotesi di modifiche della condizione emergenziale, potranno essere valutate e/o adottate integrazioni, modifiche o quant’altro si rendesse più adeguato alle nuove evoluzioni del quadro generale e particolare.
Il presente documento è diviso in due parti, con riferimento alle due macro tipologie di ambiente di lavoro tipiche della produzione e alle attività specifiche caratteristiche di ciascuna di esse:
1. Uffici di produzione / preparazione attività di produzione
2. Set / troupe / attori e generici
Il protocollo declina le attività di prevenzione e protezione necessarie in ciascuno degli ambienti/fasi di lavoro sopracitate, come previsto dal “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto da Governo e Organizzazioni dei lavoratori il 24/4/2020.
Al Protocollo sicurezza firmato il 27/5/2020 per il settore cineaudiovisivo, hanno aderito: Delegazione Troupes Commissione Sicurezza SLC-CGIL, Delegazione Attrici e Attori SAI-SLC-CGIL, 100autori, AGI Spettacolo, Doc/it, Lara.